Non è successo niente a nessuno

Ieri nella città in cui vivo non è successo niente a nessuno.
Ieri nella città in cui vivo un essere umano in difficoltà è stato preso a calci.
Entrambe le frasi sono paradossalmente vere. A renderle vere è il contesto disumanizzato in cui viviamo.
Ieri, per davvero, qualcuno è stato preso a calci, ma quel qualcuno è un emarginato, un povero, un clochard. Per questo lui è nessuno e quindi non è successo niente.
Che non sia successo niente lo dimostra un video che, sì, immortala un uomo che ne colpisce un altro inerme, già barcollante, indifeso; ma immortala anche una città immobile davanti a questo gesto, persone che osservano senza intervenire, senza prendere posizione, appunto, come nulla fosse accaduto.
Direi che questo è un perfetto quadretto di come gli orrori si possano compiere: è la maggioranza li lascia accadere con indifferenza. Ma non c’è modo di essere davvero indifferenti: l’indifferenza non è una non partecipazione, è in realtà una posizione netta, attiva e partecipativa a favore dell’oppressione, della malvagità, del dolore.
Comprendo l’appello a far sì che chi ha visto parli, affinché si possa trovare il colpevole, ma non lo condivido: non c’è un colpevole. Lo siamo tutti. E colpevole è tutto il sistema che difendiamo con ogni nostra singola azione quotidiana. Il giustizialismo e le punizioni del singolo non ripareranno quello che siamo diventati.
Qui trovate il video: https://goo.gl/adqEeJ
Incollo integralmente qui sotto l’appello del fratello di Umberto, la persona aggredita, perché stimoli un po’ di riflessioni sulle persone che sono ai margini di questa follia chiamata civiltà.

***

Umberto è un essere umano. Un essere umano con varie problematiche, è portatore di handicap ed a neppure un anno di età gli è stata diagnosticata una malattia genetica con il nome di sindrome di Aatskog che ha causato oltre a leggere deformità fisiche anche ritardi nello sviluppo e ritardo mentale degenerativo. Questa patologia, fin da piccolo, ha causato una crescita particolarmente difficile e quei ritardi lo hanno reso permanentemente inadeguato alle sue aspettative ed a quelle dei familiari e dei suoi compagni, il ritardo mentale è stata causa di emarginazione che nella “maturità” ha assunto un connotato particolarmente severo.
Umberto è un bambino di 10-12 anni nel corpo di un uomo di quasi 40 anni.
Negli anni si è aggiunta la tossicodipendenza e alcolismo che non hanno sicuramente giovato al suo benessere fisico e mentale. 
Umberto è anche mio fratello ma potrebbe essere il vostro o il vostro figlio. La comunità carrarese lo ha accolto in qualche maniera provando ad accoglierlo nella maniera che ha potuto ed è per questo che la ringrazio sentitamente. 
Lo spiacevole e disprezzabile fatto accaduto martedì 12 febbraio 2019 in Via Roma a Carrara porta un dolore immenso per il modo in cui è avvenuto. Colpito alle spalle da un calcio da un signore che abita in quella via e che dava a lui fastidio il fatto che Umberto chiedesse qualche spicciolo davanti il suo portone.
Qualcun* ha girato anche un video dell’orrendo fatto mettendolo in rete, facendosi cosi Testimone reale dell’accaduto.
Faccio un appello a chi ha girato il video a presentarsi come testimone ed anche a chi era presente e che sia disposto a rilasciare la propria testimonianza e di rivolgersi ai carabinieri di Carrara oppure all’avvocato Riccardo Martini dello studio Firomini di Massa.

Umberto ha bisogno di aiuto non di violenza gratuita e vile!

L’arena

Il nostro sistema non solo ci pone in continua competizione, ma impone la questione di sopravvivenza in moltissimi suoi aspetti e meccanismi con la conseguenza che siamo pronti a qualsiasi cosa per ottenere qualsiasi cosa. In poche parole, spessissimo e inutilmente siamo messi in un’arena con un solo pezzo di pane al centro e dove praticamente […]

Perché vi sia una sola lotta

“Ciò che succede, il male che si abbatte su tutti, il possibile bene che un atto eroico (di valore universale) può generare, non è tanto dovuto all’iniziativa dei pochi che operano, quanto all’indifferenza, all’assenteismo dei molti. Ciò che avviene, non avviene tanto perché alcuni vogliono che avvenga, quanto perché la massa degli uomini abdica alla […]

Miti sull’anarco-primitivismo

La maggior parte delle critiche mosse all’anarco-primitivismo sono assolutamente prive di fondamento perché si contrappongono a tesi che quella corrente non ha mai realmente proposto, prova che molti la stanno contestando senza aver approfondito il tema, basandosi su preconcetti, o osteggiandola per puro puntiglio (o forse per un recondito timore di rapportarsi poi alle radicali […]

Franco CFA: l’esca è gettata

La nuova esca è stata gettata e ad abboccare sono sempre gli stessi. Ormai ai politici non occorre inventarsi bugie credibili: l’asservimento ideologico dell’Homo Delegantis alle nuove chimere partitiche è completo così come il bisogno irrefrenabile di non sentirsi responsabile, di poter accusare altri, di mettersi la coscienza a posto. Prima la vergognosa apparizione di […]

Gordo, che cos’è la scienza?

A sinistra dell’immagine potete vedere una scimmia scoiattolo con il suo piccolo.Anche la foto a destra mostra una scimmia scoiattolo, una in particolare: Gordo, che gli scienziati della NASA hanno lanciato in orbita nel dicembre del 1958.L’animaletto alto 30 centimetri e di 1 Kg di peso è strizzato immobile in una capsula, impossibile muoversi. Addosso […]

Peggio del terrapiattismo?

Grazie ad un puntualissimo servizio delle Iene è tornato alla ribalta il tormentone terra piatta.Ma io non voglio parlare di terra piatta, tanto meno dei terrapiattisti, mi voglio concentrare su qualcosa di molto più utile, ovvero che cosa ha generato il confronto con questo tema, cioè un dualismo dove entrambi gli schieramenti si rivelano posizioni […]