Ojàf, la nuova pericolosissima Sharia Islamica

Ojàf, la nuova pericolosissima Sharia Islamica

Sapete bene che io sono antirazzista e per l’integrazione, però ho letto delle informazioni che mi stanno facendo riflettere parecchio su queste mie posizioni.
Ho sentito che ci sono luoghi in Medio Oriente e in Africa in cui si sta diffondendo una specie di nuova Sharia: l’Ojàf, un miscuglio schifoso di leggi divine e laiche che fanno drizzare i capelli, volte proprio ad insinuarsi nell’occidente affinché i principi democratici vengano sostituiti con questa spazzatura. L’immagine allegata è la loro bandiera. 
Vi faccio alcuni esempi delle demenze che questi vanno proclamando.

  1. Ojàf proclama un potere centralizzato in mano a pochi/una persona che può emanare leggi che entrano immediatamente in vigore senza discussioni parlamentari.
  2. Qualsiasi organo di stampa deve avere un direttore gradito all’Ojàf e la censura sistematica della critica diventa normale prassi.
  3. Abolizione di qualsiasi forma di sciopero e sono legali solo sindacati che appartengono all’Ojàf.
  4. Alle elezioni potranno essere votate solo persone che appaiono in liste create dall’Ojàf. 
  5. Tutte le associazioni di cittadini devono essere sottoposte al controllo delle forze di polizia.
  6. Chi viene sospettato di avere idee contrarie all’Ojàf può essere posto in esilio in luoghi remoti anche senza la necessità di un processo regolare.
  7. La donna è un elemento fondamentale dell’impero Ojàf, per questo deve avere l’esclusivo ruolo di madre-casalinga.
  8. Una nuova aurora dello Ojàf potrà sorgere solo se le nuove generazioni saranno numerose e obbedienti perciò è fuorilegge l’uso di anticoncezionali e il ricorso all’aborto.
  9. La razza Araba deve rimanere pura e non diluirsi nelle impurità delle altre razze.
  10. L’islam deve essere l’unica e sola fede di stato.
  11. Chiunque professi la fede cristiana o sia figlio di cristiani o di europei non deve avere accesso all’istruzione, non può sposare un Arabo Musulmano e non può lavorare per lo stato. Chi già lavora per lo stato dovrà essere licenziato e allontanato.
  12. L’omosessualità è punita perché rappresenta un attentato alla dignità della razza.

E queste sono solo alcune delle loro follie. 
Ecco, capite bene che per quanto una persona possa essere incline all’inclusione e alla tolleranza, certe cose non possono essere né incluse né tollerate. Questa robaccia non può e non deve fare parte della nostra quotidianità, rappresenta un mondo malato, pericoloso e distorto, violento, oppressivo, dittatoriale.
Ecco perché è ora di dire basta. Basta! Bas… In realtà bisogna dire basta ai luoghi comuni: l’Ojàf non esiste, me lo sono appena inventato e l’elenco che avete letto racconta alcune cosette successe veramente in Italia e messe in pratica veramente dal regime fascista (con la sola differenza che le razze e le religioni erano altre), un sistema a cui si rifanno apertamente alcune forze politiche, mentre altre (fintamente più democratiche) se ne distanziano ma sostengono alcuni di quei punti, sempre usando le stesse vecchie scuse come l’ordine, il patriottismo, il nemico comune, ecc.
Adesso tutto l’astio che vi era probabilmente montato, tutta l’intolleranza, tutta la “non inclusione” che sicuramente erano esplose in voi verso quelle parole, riuscite a portarle lucidamente su chi oggi è anche solo simpatizzante verso il fascismo o verso quel modo di concepire la società, la vita, le persone? Oppure improvvisamente diventa tutto solo “goliardia”, qualcosa che non può accadere, mero allarmismo?
Smettetela di farvi prendere per il culo. Non abbiate paura del diverso, abbiate paura del potere, di qualsiasi colore sia.

Ps. Anche la bandiera è falsa. C’è scritto “stupido credulone” in arabo.

Stupidi & affamati

Per affogare bisogna sapere Coraggiosamente lasciarsi andare O agitarsi senza controllo Altrimenti semplicemente si galleggia Non voglio galleggiare Da lì non si vede che una linea Tra un cielo troppo lontano Indistinto, intoccabile E un abisso imperscrutabile Nascosto dietro il diaframma Che argenteo si fa specchio Sprofondando invece Si inala il peso di questa esistenza […]

Sulla violenza di stato e l’anarchia violenta

Se parliamo del modo in cui si intendono ottenere cambiamenti sociali esistono due filosofie apparentemente opposte che però in questo specifico ambito sono legate da un filo sottile ma non invisibile e soprattutto non ignorabile. Una di queste filosofie è quella del sistema statale. Lo stato pensa di potere ottenere un miglioramento della società, intesa […]

Sei ricco se…?

Che cos’è nel pratico lo status di ricchezza? Come viene ottenuto? Spesso si tende ad identificare la ricchezza ed il successo come il risultato raggiungibile nella maggior parte dei casi grazie a costanza ed impegno. Però osservando i fatti e ragionando possiamo concludere diversamente. Come ha detto il giornalista, ambientalista e attivista politico britannico George […]

Estinzione dell’Olocene – La sesta estinzione

Con l’espressione “Estinzione dell’Olocene” (o semplicemente “Sesta estinzione”) ci si riferisce all’estinzione di massa dell’Olocene (l’epoca geologica più recente) derivante prevalentemente dall’attività umana. Il gran numero di estinzioni si estende su numerose famiglie di piante e animali, tra cui mammiferi, uccelli, anfibi, rettili e artropodi. Con il diffuso degrado di habitat altamente “biodiversi”come le barriere […]

Sindaci, piccioni, TSO e antispecismo

In questi giorni il comune di Riomaggiore ha deciso di risolvere il problema piccioni dichiarando guerra a chi li sfama. Dichiarare guerra non è una locuzione esagerata visto che oltre ad un inasprimento delle pene la sindaca sta valutando l’ipotesi di usare il TSO per chi dà da mangiare ai pennuti. Dal quotidiano La Nazione […]