Libero dal lavoro? Dipende

Libero dal lavoro? Dipende

Stavo pensando a una cosa molto curiosa.
Se tu fai anche solo vagamente riferimento a come ha vissuto (e vive ancora, anche se sempre più raramente) l’essere umano in natura, in particolare sottolineando quanto si possa vivere senza stress, orari, scadenze, ecc. e godendo di quello che la natura crea intorno a te condividendo tutto con i tuoi cari, ti danno subito dello scansafatiche tappandosi le orecchie su qualsiasi altro punto sollevato nel discorso ed elogiando questo mondo basato su merito, fatica, produzione, gente che lavora.
Poi invece quando ti fanno vedere i prossimi prodotti tecnologici con cui le fabbriche producono il triplo senza sforzo umano, con cui puoi viaggiare velocissimo in perfetta comodità o magari solo con la voce comandi la casa, ordini regali, ricordi ricorrenze di persone care, tutto senza muovere un dito, anche se tutto questo esiste solo grazie allo sfruttamento indiscriminato di persone, cose, animali, improvvisamente questa è una cosa buona, positiva, che libera l’essere umano dal lavoro…
Quindi se vuoi liberarti dal lavoro nella natura sei uno scansafatiche idealista. Se invece vuoi liberarti dal lavoro con la tecnologia, in un mondo dilaniato da quella stessa tecnologia, allora sei una persona saggia, sensata, produttiva che alimenta un progresso di successo da tutelare e accelerare.
Strano, eh?

Nere priorità

Una delle primissime cose che il neo eletto presidente del Brasile Bolsonaro vuole fare, mentre già l’esercito gira per le strade festeggiando, è spostare l’ambasciata Brasiliana in Israele. Cioè una delle primissime preoccupazioni di questo politico eletto dal popolo per il cambiamento del Brasile, per il popolo Brasiliano, è dimostrare vicinanza a Israele: imitando Trump […]

Progresso tecnologico: un affarone!

“L’essere umano grazie alla sua evoluzione tecnologica non deve più dipendere dalla natura.” Questa è una delle frasi con cui si enfatizza e valorizza il ruolo del progresso tecnologico in quanto mezzo liberatore della condizione umana dal giogo della natura matrigna e crudele. Però, e diavolo se c’è un però, bisognerebbe aggiungere a quella frase […]

Ma quale scoperta?

C’è ancora chi festeggia la “scoperta dell’America”? Questa data dovrebbe rappresentare una delle pagine più tristi della storia in cui si dovrebbero commemorare le vittime di un sistema che non è mai terminato, ha solo cambiato faccia nel corso dei secoli. Ricordiamo quelle vittime, ricordiamo interi popoli considerati e spazzati via come letame. Ricordiamo i […]

Maledetto Lavoro

  “[…] La critica anarchica appare l’approdo ultimo e quello più radicale e completo, che non accetterà mai compromessi e continuerà a negare ogni tipo di società scissa in governanti e governati. Continuerà a criticare e combattere l’autoritarismo in ogni sua forma, le gerarchie, le istituzioni oppressive nemiche dell’autodeterminazione e della libertà, le disuguaglianze e […]

Ojàf, la nuova pericolosissima Sharia Islamica

Sapete bene che io sono antirazzista e per l’integrazione, però ho letto delle informazioni che mi stanno facendo riflettere parecchio su queste mie posizioni. Ho sentito che ci sono luoghi in Medio Oriente e in Africa in cui si sta diffondendo una specie di nuova Sharia: l’Ojàf, un miscuglio schifoso di leggi divine e laiche […]