Fede & Paradossi – MMJ Podcast 2.5

Nella Bibbia, più e più volte dio si pente di ciò che ha fatto, prova delusione e cambia idea. Questo è un fatto.
Allora, come può esistere l’idea di Dio come essere onnipotente, onnisciente e perfetto?
Tutto sta nel motivo per cui esiste la Bibbia in primo luogo. Capito questo è facile dare una risposta.

Infatti, se pensiamo alla Bibbia come a un testo ispirato da dio che racconta una verità storica, chiaramente, non solo siamo completamente fuori strada, ma non riusciamo a rispondere nemmeno alle domande più semplici riguardo alle implicazioni sull’esistenza di questo testo.

Se invece pensiamo alla Bibbia per quello che è, cioè un insieme di testi disomogenei scritti da uomini nel corso di migliaia di anni, con l’unico scopo di creare un mito che, tra le altre cose, controllasse le masse, senza una reale connessione con qualsivoglia sfera spirituale (qualsiasi cosa questo voglia dire), allora capiamo che durante i millenni in cui il mito venne inventato e messo per iscritto, per coloro che lo inventarono, non era affatto un problema descrivere un dio che aveva ripensamenti, che sbagliava e che era anche violento, geloso, un essere che secondo l’odierna morale comune farebbe finire chiunque, come minimo, sulla sedia elettrica. Per queste persone non era un problema perché, nella loro epoca, secondo la loro cultura, occorreva quel tipo di dio, quel tipo di narrazione, quel tipo di mito.

Successivamente, con il tempo è cambiata anche la base culturale dominante e la Bibbia è stata esportata anche in luoghi in cui le basi culturali erano diverse. In questi tempi e luoghi diversi, con basi culturali diverse, occorreva un mito diverso, un dio diverso, perché il dio erroneo e rancoroso semplicemente non funzionava. Serviva un dio onnisciente, onnipotente e perfetto.

Visto che in pochi sapevano leggere e per chi sapeva leggere c’era il divieto di leggere la Bibbia, non c’è stato nemmeno bisogno di riscrivere nulla, è bastato propagandare lo stesso testo diversamente, descrivendo il mito e il dio che occorreva in quel momento a prescindere da quello che veramente c’era scritto nei testi. Quando tutti sono stati in grado leggere la Bibbia, poi, il mito era così ben radicato che quanto scritto nei testi era semplicemente ininfluente. Conta cosa credi ci sia scritto, non cosa ci sia scritto davvero.

Quindi, con il passare del tempo, la cultura ha necessitato si cambiassero le caratteristiche con cui si immagina il divino, ma il marketing clericale è riuscito a far sì che non ci fosse un abbandono della fede in quanto questa rappresentava un dio non più adatto, riuscendo invece a riciclare lo stesso dio, senza perdere consensi. Perché, alla fine, è più importante sentirsi coccolati da questo mito piuttosto che rifiutarlo anche quando, evidentemente, si fonda su basi morali che si spera non abbia nemmeno l’uscere del nostro palazzo, figuriamoci essere espressione del proprio dio.

Se questo può, seppur amaramente, suonare banale che sia successo in tempi antichi, quando il volgo era facilmente raggirabile da preti, stregoni e maghi Otelma di turno, purtroppo oggi vediamo gli stessi identici meccanismi e non solo nel cittadino comune: vediamo addirittura dei movimenti sociali come il veganismo cristiano o il femminismo cristiano o l’anarchismo cristiano. Movimenti che non fanno nulla di diverso da quanto descritto finora perché, alla stessa stregua, la base della loro fede è un dio che non ha problemi a ordinare sacrifici animali, a considerare le donne come esseri dipendenti dall’uomo o sostenere la schiavitù, l’usura, eserciti e imperialismo, tutti ingredienti che, superfluo dirlo, dovrebbero essere aborriti anche dal più sprovveduto degli esseri umani, figuriamoci da movimenti socio-politici che si impegnano a capire e cambiare le cose in senso opposto.

Quindi, di nuovo, non si usano i propri principi e la propria etica per comprendere quanto siano fuori luogo, bassi, immorali e irrealistici i contenuti dei cosiddetti testi sacri, ma si preferisce darne una nuova lettura, a prescindere da quello che effettivamente è scritto in quegli stessi testi, tutto pur di tenere stretto il mito, la consolazione che ne deriva, il continuare a far parte di un gruppo e non contestare una tradizione. Il fatto che questo accada oggi, e soprattutto nell’ambito di movimenti che dovrebbero basarsi sulla critica sociale, dà uno spaccato abbastanza triste di come certe persone considerino e abbraccino certi principi, non solo come singoli ma anche come gruppi e movimenti sociali. Più che un percorso che sfidi le proprie convinzioni in modo da averne sempre di migliori e, in base a quanto si è capito in questo percorso, modificare le proprie azioni affinché rispecchino quelle convinzioni e principi il più possibile, pare esserci una tendenza opposta, ovvero: non si mette mai in discussione il proprio pensiero e l’etica viene plasmata sulle azioni che già si è abituati a compiere, cercando disperatamente la retorica adatta per far rientrare tutto in ciò che ci fa stare più comodi.

 

Culturofilia – MMJ Podcast 2.4

Qualcuno mi ha detto che il pensiero nasce dalle parole. Ti servono le parole per pensare e per ragionare. Meno parole possiedi, meno pensieri hai, meno idee, meno ragionamenti, e l’assenza di questi è spesso associata a un comportamento violento perché, se non puoi discutere a parole, allora ricorri alla violenza. Mancanza di cultura uguale […]

436301008_837534898415474_1841875822642451504_n

Internet è un luogo sempre meno reale

Internet è un luogo sempre meno reale.   A farla da padroni sono pubblicità di oggetti fasulli, metriche e visualizzazioni gonfiate, influencer virtuali… Esistono luoghi chiamati “click farm”, veri e propri allevamenti di click generati da computer o persone pagate per gonfiare artificialmente il traffico su siti web e social. Lo scopo è quello di […]

434746063_827007329468231_7847550726719889529_n

La cosiddetta intelligenza artificiale colpisce anche il mondo della letteratura scientifica

La cosiddetta intelligenza artificiale colpisce anche il mondo della letteratura scientifica. Avete presenti le riviste scientifiche, anche blasonate, che dovrebbero pubblicare articoli revisionati dalla “comunità scientifica” e che quindi fanno poi da base per validare altre ricerche? Sta esplodendo il caso che vede queste riviste inondate da ricerche scritte con l’intelligenza artificiale. Come si scoprono? […]

434164926_823878583114439_2710088423595207862_n

Etichette dei movimenti per i diritti sociali

In questa immagine, l’ambasciatrice USA si astiene nella votazione per il cessate il fuoco su Gaza.   In altre parole, una donna nera sta rappresentando una nazione capitalista, imperialista e guerrafondaia contrapponendosi alla volontà di smettere di far saltare in aria il culo dei pochi palestinesi rimasti e appecoronandosi al sionismo di destra israeliano.   […]

Specchio e sfera di cristallo – MMJ Podcast 2.3

Gaza è un enorme specchio e anche una sfera di cristallo. Lo specchio riflette noi stessi, un occidente che è sempre meno subdolo nel mascherare la propria violenza. In quello specchio si riflette ciò che siamo disposti ad accettare purché non si rompa l’incantesimo, la favola, e soprattutto i ruoli che quella favola ha assegnato […]

395076855_729480899220875_7698344165373250992_n

Uomini e topi

Credo che uno dei più interessanti esperimenti mai eseguiti sia quello organizzato dal prof. Curt Richter, della John Hopkins University. L’esperimento, realizzato negli anni ’50, consisteva nel dividere alcuni ratti in due gruppi. I ratti del primo gruppo furono inseriti dentro dei recipienti pieni d’acqua, abbastanza profondi da impedirne e da renderne possibile l’annegamento. Il […]

394251046_727185552783743_4461068497060515895_n

Nel 2023 che cazzo di scusa avete per votare?

In una manciata di legislature, si è visto: – La destra xenofoba e nazionalista, che voleva il blocco navale, si è prostrata genuflessa in Europa a dire quanto abbiamo bisogno dell’immigrazione. – La sinistra libertaria e proletaria ha messo in piedi inquisizioni, distrutto il diritto al lavoro e la sanità pubblica. – Quelli che erano […]