Forse hai un problema

Ehi, tu, Marxista? Di sinistra? Antiautoritario? Anarchico? (e aggiungo io) Antispecista?
Forse hai un problema.

Il problema è questo: non c’è modo di organizzare un sistema tecno industriale basato sulla libertà degli individui e sul volontarismo, tanto meno sul rispetto dell’ambiente o delle altre specie. Punto.

Il Marxismo ad esempio, che è una delle filosofie storicamente più importanti in generale ma soprattutto appunto tra libertari di sinistra, anarchici, comunisti e antispecisti, è figlio della copula tra industrializzazione e illuminismo, entrambi colonne portanti di una visione di progresso scientista, specista e ecocida. L’essere umano è visto come realtà sociale solo nel momento in cui è tecnicamente capace di dominare la natura e trasformarla in risorsa.
Il marxismo è basato su una geometria sociale che non guarda agli individui (umani, figuriamoci le altre specie) se non come meri portatori di istanze di classe nel freddo risiko mercantilista. L’individuo semplicemente non esiste è un meccanismo di una specie di legge economica universale. 
Le rivoluzioni economiche sono viste come rivoluzioni geologiche, rendiamoci conto dell’ineluttabilità che viene associata a questi meccanismi.
Tutto il vivente, eccetto l’essere umano, è visto come oggetto di consumo o mezzo di produzione.
La produzione e il lavoro sono i perni che ci distinguerebbero dal resto degli animali (oltre che per essere possessori di una coscienza mentre gli animali no) e su questo costrutto filosofico si cerca di far passare l’industrializzazione di massa come conseguenza della natura umana.

Eppure queste premesse sono considerate libertarie, rivoluzionarie, anticapitalistiche. Non lo sono. E non c’è da stupirsi che Marxismo e neo-marxismo abbiano generato frutti velenosi. Non sono male interpretazioni di una filosofia davvero libertaria e liberatrice, sono la diretta conseguenza di una filosofia che non ha mai preso in considerazione la libertà dell’individuo (umano, figuriamoci animale), le conseguenze schiavizzanti dell’industrializzazione, o quelle ecocide.
Non c’è da stupirsi che per Marxisti e neo-marxisti la fabbrica sia un elemento naturale della tecnica e quindi dell’essere umano, perciò per mandare avanti una fabbrica, citando Engels, le maestranze devono rinunciare a qualsiasi autonomia e piegarsi a una cieca obbedienza.
Se l’essere umano viene visto come mero meccanismo economico e la sua principale connotazione è quella di essere un produttore, è tutta l’umanità che viene considerata mezzo di produzione. Non basta accantonare qualche pezzettino di questa filosofia come la dittatura del proletariato per renderla accettabile: i problemi continuano a stare nelle sue vere radici. Questo impianto filosofico di fatto non solo ignora e allontana le istanze antispeciste e di ecologia radicale, ma è un perfetto apripista persino per il mero sfruttamento dell’uomo sull’uomo.

Una società basata sulla produzione industriale di massa e sul mercantilismo non può di fatto essere libertaria e contiene in sé i semi del dominio. Questo è un fatto che qualsiasi libertario deve necessariamente valutare.
Per citare Bookchin “…la dominazione diventa condizione essenziale alla sopravvivenza in una società tecnicamente avanzata.”


Immagine è un testo tratto da una conferenza di John Zerzan, anarchico e primitivista.

Homo Faber

Fonte: Critica Radicale Stefano Boni, Professore di Antropologia Culturale e Politica presso l’Università di Modena e Reggio Emilia, nel suo libro Homo Comfort, traccia una linea di demarcazione netta tra la comodità alla quale l’uomo moderno si è abbandonato acriticamente e l’Homo Faber, ossia l’uomo artigiano, che crea per se ciò di cui necessita. La […]

Il mito della comunità scientifica

Invocare la cosiddetta comunità scientifica è diventato un mantra moderno molto usato, non solo in ambito scientifico e giornalistico, ma anche tra la gente comune. L’idea alla base è che ci sia questo organo collegiale che vigila sulla giustezza delle scoperte scientifiche fino ad arrivare a coprire con la sua benefica influenza anche scelte politiche. […]

L’arena

Il nostro sistema non solo ci pone in continua competizione, ma impone la questione di sopravvivenza in moltissimi suoi aspetti e meccanismi con la conseguenza che siamo pronti a qualsiasi cosa per ottenere qualsiasi cosa. In poche parole, spessissimo e inutilmente siamo messi in un’arena con un solo pezzo di pane al centro e dove praticamente […]

Perché vi sia una sola lotta

“Ciò che succede, il male che si abbatte su tutti, il possibile bene che un atto eroico (di valore universale) può generare, non è tanto dovuto all’iniziativa dei pochi che operano, quanto all’indifferenza, all’assenteismo dei molti. Ciò che avviene, non avviene tanto perché alcuni vogliono che avvenga, quanto perché la massa degli uomini abdica alla […]

Miti sull’anarco-primitivismo

La maggior parte delle critiche mosse all’anarco-primitivismo sono assolutamente prive di fondamento perché si contrappongono a tesi che quella corrente non ha mai realmente proposto, prova che molti la stanno contestando senza aver approfondito il tema, basandosi su preconcetti, o osteggiandola per puro puntiglio (o forse per un recondito timore di rapportarsi poi alle radicali […]

Franco CFA: l’esca è gettata

La nuova esca è stata gettata e ad abboccare sono sempre gli stessi. Ormai ai politici non occorre inventarsi bugie credibili: l’asservimento ideologico dell’Homo Delegantis alle nuove chimere partitiche è completo così come il bisogno irrefrenabile di non sentirsi responsabile, di poter accusare altri, di mettersi la coscienza a posto. Prima la vergognosa apparizione di […]

Gordo, che cos’è la scienza?

A sinistra dell’immagine potete vedere una scimmia scoiattolo con il suo piccolo.Anche la foto a destra mostra una scimmia scoiattolo, una in particolare: Gordo, che gli scienziati della NASA hanno lanciato in orbita nel dicembre del 1958.L’animaletto alto 30 centimetri e di 1 Kg di peso è strizzato immobile in una capsula, impossibile muoversi. Addosso […]